venerdì, giugno 30, 2006

Demo di Cromehounds su Xbox Live

Sega ha rilasciato il demo di Cromehounds sul Marketplace di Xbox Live, offrendo la possibilità di provare in anteprima il gioco che verrà lanciato il prossimo 7 luglio. Il demo (circa 550MB) è costituito da un paio di livelli in single player, ma non presenta le opzioni di customizzazione e online, considerate il piatto forte del gioco. Sviluppato da From Software, Cromehounds è un titolo incentrato sul combattimento fra mech, ispirato più a Steel Battalion di Capcom che non al deludente Mechassault di Day1 Studios. I primi commenti degli utenti non sono positivi, in quanto, al di là della possente realizzazione tecnica, i mech sembrano fin troppo lenti. Anche sul lato tecnico, ci sono lamentele circa i fenomeni di "tearing" (dovuti all'assenza del vertical blank in Xbox 360) che affliggono altri titoli per la console Microsoft.

Se avrò modo di provarlo, pubblicherò le mie impressioni.

WipEout su PlayStation 3

Un annuncio di ricerca personale pubblicato sul sito Datascope lascia a intendere che la serie WipEout farà un ritorno in grande stile su PlayStation 3. L'annuncio, caratterizzato dalla scritta urgente in maiuscolo, indica che la ricerca di un senior / lead designer che "avrà un ruolo chiave nella realizzazione di future iterazioni di WipEout su PlayStation Portable e PlayStation 3". Sebbene non sia stato ancora divulgato un annuncio ufficiale, è certo che il racer originariamente sviluppato da Psygnosis arriverà, prima o poi, sulla console di nuova generazione Sony.

Riferimenti
[Eurogamer: WipEout PS3 on the way]

giovedì, giugno 29, 2006

Ikaruga in Flash

Da gran gioco quale è, Ikaruga fa sempre parlare di sè. Per chi non l'ha mai provato, ecco una versione in flash del boss del primo livello!



Sul sito dello sviluppatore, inoltre, è possibile giocare a una versione non ufficiale, chiamata Black & White, che riproduce tutto il primo livello di Ikaruga, anche se a una qualità inferiore del link riportato qui sopra. Per godere del capolavoro di Treasure, procuratevi un Dreamcast (la versione GameCube non è altrettanto fluida...).

Riferimenti
[Sito ufficiale]

mercoledì, giugno 28, 2006

Sony Italia mette in Palio 5 PS3

Sony Computer Entertainment Italia ha indetto un succoso concorso per portarsi a casa una PlayStation 3 nuova di zecca. Per partecipare a Play Your Part, questo il nome del concorso, è sufficiente inviare la cosa più divertente e bizzarra per dimostrare il proprio amore verso il mondo PlayStation in una delle 5 categorie proposte (music, video, stories, images, art).

Proveremmo di tutto pur di risparmiare 600€.

Riferimenti
[Sito ufficiale Play Your Part]

Potenziale di PS3 in Vendita

Fin dallo scorso E3, la battaglia di Sony si è spostata dalle specifiche tecniche al prezzo. Dopo i numerosi interventi registrati nei mesi scorsi, anche Howard Stringer, CEO di Sony, ha diffuso il suo parere luminare in merito al costo di PlayStation 3, affermando che la nuova console Sony è una scommessa "a prova di futuro".
"Il prezzo di PlayStation 3 è alto, ma stai pagando per il potenziale. Ovviamente, è una strategia ad alto rischio, come lo sono tutte le nuove invenzioni, ma se PS3 raggiungerà il suo potenziale, penso che nessuno si preoccuperà per il prezzo inferiore di Nintendo o Xbox"
Il potenziale della console potrebbe, però, non essere chiaro a tutti, soprattutto dopo le deludenti dimostrazioni allo scorso E3. Se l'arma di riserva è il lettore Blu-Ray e i film in alta definizione, ricordo a Stinger che la maggior parte dei giocatori desidera una console da gioco e non un lettore di film in alta definizione.

Riferimenti
[GameDaily Biz: Stringer: You're Paying for PS3's "Potential"]

Spector sulla Next Generation

Warren Spector, creatore di capolavori come Deus Ex, si è espresso sulla next generation in un'interessante intervista pubblicata su Eurogamer. Secondo Spector, non ci sarà un solo vincitore nella guerra fra le nuove console e i PC, nonostante sarebbe auspicabile un'unica piattaforma su cui sviluppare nuovi titoli. In merito alle potenzialità delle nuove macchine da gioco, lo spirito creativo di Spector ha affermato:
Se sfruttiamo la potenza dell'hardware di nuova generazione soltanto per incrementare il numero di poligoni, siamo rovinati. Dobbiamo sfruttare quella potenza per creare nuove esperienze di gioco, incrementare il livello simulativo... trovare nuove strade per espandere la fisica... creare mondi interattivi che potevamo solo sognarci... creare attori virtuali che possano fare altro che correre e sparare.
Concordo con Spector, anche se sembra che la nuova generazione sia attualmente ben lontana da questa filosofia. Nell'intervista, che consiglio a tutti di leggere, Spector discute anche dell'utilità di creare esperienze di gioco poco lineari, nonostante possa sembrare che la maggior parte dei videogiocatori non sfruttino appieno le potenzialità dei titoli a percorsi multipli.

Riferimenti
[Eurogamer: Warren Spector on game development]

Le Iene al Bando in Australia

L'Australia continua la guerra contro i videogiochi violenti negando l'approvazione del videogame ispirato al capolavoro "Le iene" di Quentin Tarantino. Le motivazioni, sebbene non siano ancora state ufficializzate, sono da ricercarsi probabilmente nella violenza del gioco, che verrà invece pubblicato in Europa il prossimo autunno. Le Iene - in originale Reservoir Dogs - si aggiunge agli altri titoli banditi dal territorio australiano, come Leisure Suit Larry, NARC, Manhunt, Grand Theft Auto III e Marc Ecko's Getting Up.

Il film Le Iene, però, continua a circolare in Australia, segno che non si tratta di bigottismo, bensì di un'inadeguata scala di classificazioni per il mercato videoludico. Mentre in Europa e America è possibile classificare videogame per i maggiori di 18 anni, in Australia la massima soglia di età è quella dei 15 anni. Tutto quanto non è adatto a un pubblico di quindicenni non viene approvato, limitando un mercato sempre più ricco di contenuti adulti, che siano sinonimo di violenza o meno. L'invito all'Australia's Office of Film and Literature Classification è, quindi, quello di rivedere i propri standard riconoscendo anche agli adulti la possibilità di giocare con titoli a essi dedicati.

Riferimenti
[Eurogamer: Australia bans Reservoir Dogs]

martedì, giugno 27, 2006

Recensione/ Micro Machines V4

Su Console Network è stata pubblicata la mia recensione di Micro Machines V4, il nuovo capitolo di Codemasters dedicato alle automobili in miniatura. Ecco qualche estratto della recensione, pubblicata a quest'indirizzo:
"Negli anni, la formula è rimasta pressoché la stessa e non accenna ad abbandonare le vie che hanno portato il franchise al successo, anche a costo di compiere qualche passo indietro, come è accaduto con Micro Machines V4."
"Micro Machines V4 si è rivelato un titolo conservatore, poco volenteroso di allargare gli orizzonti già ampiamente coperti nei precedenti episodi. Una maggiore varietà delle ambientazioni, modalità online o serie inedite di veicoli avrebbero sicuramente invogliato i veterani del genere a trascorrere nuove ore con il titolo Codemasters. Il risultato è comunque godibile, costruito su una meccanica di gioco collaudata e divertente, particolarmente adatta per sessioni di gioco multiplayer."
Continuo a preferire Mashed per le sessioni serali con gli amici.

Riferimenti
[Console Network: Recensione]

La Next-Gen Confonde il Creatore di Castlevania

Koji Igarashi, creatore di Castlevania, si è dimostrato confuso riguardo quale nuova console supportare, oltre che povero di idee in generale. In principio attratto da PlayStation 3, Igarashi è rimasto perplesso dal prezzo annunciato da Sony, che ritiene troppo alto per riscuotere il successo desiderato. La carenza di idee di Igarashi, invece, emerge dal commento in merito a Wii, in cui afferma "non mi viene in mente nessuna idea per sfruttare il controller". Igarashi dovrebbe pensare al di là del franchise che lo ha reso famoso e aprirsi verso nuovi orizzonti, passo che, probabilmente, non è in grado di fare. Ciò significa che vedremo ancora diversi mediocri seguiti di Castlevania in 3D e altri capolavori in 2D, segno dell'incapacità di aggiornare una serie sfruttando le nuove possibilità offerte.

Igarashi non è nemmeno contento di Xbox 360, che si posiziona a metà fra l'offerta di Sony e quella Nintendo. "Ci devono essere dei titoli killer che invoglino gli utenti [giapponesi] a spostarsi verso Xbox 360. Penso che se Bill Gates usasse i suoi soldi personali e dicesse "ho un miliardo di dollari. Perchè non fai un gioco per me?" allora mi piacerebbe lavorare su Xbox 360". Oltre che povero di idee, anche povero di argomentazioni.

Riferimenti
[Kotaku: Iga on Next-Gen War: "I'm Confused"]

domenica, giugno 25, 2006

Digimask a Prova di Volgarità

Team Xbox ha pubblicato un'intervista con Gary Bracey, fondatore e CEO di Digimask, in cui sono stati sviscerati alcuni elementi chiave della nuova tecnologia che permette di utilizzare il proprio volto nei giochi. Tale tecnologia verrà utilizzata principalmente per Xbox Live, in cui si potrà vedere una versione poligonale del proprio avversario. Interessante il commento in merito ai potenziali abusi della tecnologia:
Diverse persone hanno discusso sulla possibilità di usare "diverse" parti del corpo invece che la propria testa. Ci sono due ragioni per cui questa pratica potrebbe sembrare meno divertente di quanto si pensa:
  1. La tecnologia Digimask identifica le caratteristiche facciali nella foto. Se non riconosce gli occhi, il naso, la bocca ecc, la digitalizzazione fallirebbe con tutta probabilità. [...]
  2. Anche se la foto dovesse essere accettata, il risultato finale apparirebbe così distorto da risultare irriconoscibile. Credetemi, l'ho provato!
Quando bisogna testare una tecnologia, bisogna farlo fino in fondo, no?
Comunque, a parte gli scherzi, dalle foto mostrate il risultato sembra essere eccellente.

Riferimenti
[Team Xbox: Digimask Technology Interview]

La Critica sui Videogiochi non Esiste

Chuck Klosterman ha scritto un pezzo molto interessante su Esquire, in cui evidenza l'assenza di una vera critica dei videogame. Ecco un estratto dell'articolo:
Vedo che c'è molta gente che recensisce videogiochi e che vi sono intere riviste e miriadi di siti devoti a questa materia. Ma quanto scritto da queste persone non è vera critica. Praticamente senza eccezioni, si tratta di un consiglio da utente; evidenzia a quale vecchio gioco somiglia un nuovo titolo, cosa comporta l'esperienza di gioco e se sarà un successo commerciale. E' solo un'esposizione di informazioni. Per quanto ne so, non ci sono critici specializzati nello spiegare quali sensazioni derivano da un determinato titolo, nè nell'analizzare i significati di un gioco al di fuori del contesto videoludico.

Mi trovo d'accordo con quanto espresso da Klosterman. Me ne sono reso conto qualche settimana addietro, quando stavo leggendo alcune critiche cinematografiche su King Kong di Peter Jackson. Tali critiche si muovevano su sezioni ben precise del film, dalla sceneggiatura alla regia, passando per le capacità di recitazione e altri dettagli ancora. Canoni ben descritti nei libri di critica e analizzabili più o meno oggettivamente. I metri di valutazione di un videogioco sono molto meno standardizzati e spesso poco chiari. L'interattività è una delle variabili che rende il videogame così difficile da valutare.

Io stesso ho valutato decine e decine di titoli e non nascondo di essermi spesso sentito in difetto nel mio giudizio, che si basa in primis sull'esperienza personale. Gioco fin dai primi anni '80, ho messo mano su centinaia di titoli, ma per questo non è detto che sia in grado di valutare correttamente ciò che mi viene sottoposto. E' un dilemma che, più o meno in corrispondenza di ogni cambio di stagione, mi si pone di fronte. Come me, la maggior parte delle persone che scrivono di videogiochi non hanno mai seguito lezioni che ne sviscerino i contenuti, in modo che possano scrivere recensioni che trascendano il gioco stesso. Ci troviamo a recensire giochi seguendo i nostri personali canoni di valutazione: un gioco con un'eccessiva dose di scene d'intermezzo come Metal Gear Solid 2, per me, non è un gioco. Per altri potrebbe essere un capolavoro.

Fortunatamente, c'è il comparto tecnico che mette un po' di oggettività nel commento, in modo da dare alla recensione un tono un po' più professionale. Grandi idee sono spesso penalizzate da una realizzazione tecnica pessima, oppure una grafica sontuosa nasconde enormi lacune nel gameplay: in questi casi è facile dare un giudizio al gioco sotto esame.

In merito all'assenza dell'analisi del significato del gioco, sarebbe come cercare la critica alla società odierna in un blockbuster hollywoodiano. Forse, per stimolare questo tipo di critica, dobbiamo attendere la nascita dei videogame d'autore.


Riferimenti
[Esquire: The Lester Bangs of Video Games] tramite MBF Tod@y

GTA4 su Xbox 360 non Preoccupa Sony

In un intervista pubblicata su TheStreet.com, Jack Tretton, co-chief operating officer di Sony Computer Entertainment America, ha sminuito l'effetto che la pubblicazione in contemporanea di Grand Theft Auto 4 potrebbe avere sugli effetti di PlayStation 3. Il portavoce di Sony ha dichiarato che puntare sulle esclusive di titoli di terze parti non avrà buon rendimento, in quanto l'incremento dei costi di sviluppo spingerà verso titoli multipiattaforma. Ciò che importa, secondo Tretton, è la qualità dei titoli sviluppati internamente.

Pur non avendo debuttato per primi in nessuna generazione, ha ribadito Tretton, le macchine Sony si sono dimostrate sempre le preferite dal mercato in virtù delle caratteristiche che hanno offerto. Sony non è spaventata dal vantaggio temporale di Microsoft, nè dalle previsioni di vendere 10 milioni di console entro la fine dell'anno, in quanto, ha affermato Tretton, Sony ha intenzione di venderne 100 milioni in tutto il mondo.

Riferimenti
[TheStreet.com: Sony's Playing to Win]

Console: Ma Quanto Consumi?

DX Gaming ha pubblicato un'interessante aricolo che evidenzia i consumi di energia elettrica delle recenti console. Con l'avanzare della potenza delle macchine da gioco, viene naturale pensare che anche i consumi aumentino nettamente. Ecco, quindi, che Xbox 360 pecca di ingordigia, consumando più delle altre concorrenti in tutte le aree di prova, dal consumo in stand-by a quello durante il gioco. La tecnologia si paga, quindi, non solo all'acquisto della console, ma anche durante l'uso, un po' come accade con le auto di alta cilindrata.

La notizia, però, non è quanto consumi Xbox 360, ma l'altrettanta ingordigia di PlayStation 2, che in modalità stand-by consuma quanto la nuova console Microsoft, ovvero 2W. Mentre per Xbox 360 tale consumo potrebbe essere giustificato dalla necessità di tenere accesa la scheda wireless per permettere l'avvio della console tramite il pad, nel caso di PlayStation la spiegazione risulta ben poco chiara.

In generale: è meglio scollegare le console quando non le si usa!

Riferimenti
[DX Gaming: Game Console Energy Consumption]

Nuova Collaborazione con Console Network

Da qualche giorno ho iniziato una nuova collaborazione con il sito Console Network, in cui mi occuperò di redarre delle recensioni dei titoli per console. Fatemi gli auguri e venite a visitarci su Console Network! Naturalmente, Enter the Crackhouse continuerà a esistere.

martedì, giugno 20, 2006

Guilty Gear si Aggiudica la Palma di Miglior Grafica 2D

GameDaily BIZ ha pubblicato una breve classifica dei titoli in 2D con la migliore realizzazione tecnica. La serie di Guilty Gear, sviluppata da ARC System Works e pubblicata da Sammy, si è aggiudicata il primo posto.
Nonostante Capcom abbia inondato il mercato di molteplici picchiaduro 2D ben realizzati, il franchise di Sammy, Guilty Gear, è stato sempre superiore dal punto di vista grafico. I personaggi e gli sfondi in alta risoluzione si fondono per creare una gloriosa scena di colori, sangue, fumo e vari effetti particellari. Inoltre, le animazioni sono eccezionali.
Concordo in pieno, tant'è che nella mia collezione figurano gli episodi per Dreamcast, PlayStation 2 e Xbox. Fra gli altri titoli, sono presenti LocoRoco, Lumines, Yoshi's Island e Yoshi's Story e, infine, la saga di Metal Slug.

[GameDaily BIZ: Top Five Most Gorgeous Looking 2D Games]

PlayStation = Computer = No Tax

Durante alcuni recenti interventi, Ken Kutaragi, boss di Sony Computer Entertainment e papà di PlayStation, si è spesso dilungato nel sottolineare come PlayStation 3 non sia una console, bensì un computer. "Non abbiamo mai dichiarato che avremmo lanciato una console", ha commentato in un'intervista sul sito nipponico PC Impress Watch, "E' radicalmente diversa dalla precedente PlayStation. E' chiaramente un computer". Microsoft ha fatto tanto per scrollarsi di dosso le relazioni col mondo dei PC, mentre Sony tenta di abbracciare l'altra faccia della medaglia: come mai?

Chi ha buona memoria ricorderà che un fatto analogo è accaduto anche con PlayStation 2, quando Sony ha tentato di spacciarla per computer onde evitare i dazi doganali europei. La faccenda non è ancora terminata, in quanto proprio nei giorni scorsi la corte di appello inglese ha nuovamente rifiutato di identificare PlayStation 2 come un computer. Di conseguenza, Sony non otterrà il rimborso dei circa 50 milioni di euro richiesti come indennizzo per il pagamento delle tasse di importazione. Sono cinque anni che Sony combatte per la sua causa, ma ancora non si dà per vinta. Nel processo precedente, il giudice della corte suprema aveva respinto la richiesta di Sony in quanto PlayStation 2 non è programmabile liberamente. Il lancio di Linux, a questo punto, potrebbe essere stato architettato solo per sostenere la tesi di Sony, ma anche questo stratagemma ha trovato scarso seguito.

Con tutta probabilità, la battaglia si sposterà presto sul campo PlayStation 3, in quanto Sony sembra essere sempre più decisa a identificare la propria console come un computer. La presenza dell'hard disk con, eventualmente, Linux preinstallato potrebbero dare man forte al colosso nipponico. Fra le altre motivazioni che pretendono che PlayStation 3 sia considerata un computer, vi sono l'estendibilità e l'evoluzione. Nella suddetta intervista con PC Impress Watch, Kutaragi ha dichiarato che è possibile che in futuro vi siano diverse configurazioni della macchina, con hard disk più o meno capienti, o add-on che seguono il trend dei PC. PlayStation 3 non si prospetta, quindi, come un dispositivo "fatto e finito", ma con diverse possibilità di evoluzione. Proprio il contrario di quanto i videogiocatori su console desiderano.

Riferimenti
[Next-Gen: English Court: PS2 is Not a PC]
[La sentenza della corte]
[Gamasutra: Kutaragi: PS3 A 'Computer', Not A Console]

Soul Calibur... 4

Nel pieno rispetto delle norme dei seguiti, Bandai Namco ha confermato che Soul Calibur IV è in fase di sviluppo, per una piattaforma ancora sconosciuta. Il quinto episodio della serie debutterà probabilmente sulle nuove console, in quanto avrebbe ben poco da dire su PlayStation 2 & Co. C'è da augurarsi che Soul Calibur IV apporti sufficienti novità per giustificare il nuovo episodio di una serie che, dopo i fasti su PlayStation e Dreamcast, è in caduta libera.

Riferimenti
[GameDaily: Interview: Dragon Ball Z] tramite Eurogamer

Lumines Live, Modalità di Gioco a Pagamento

Marketplace e microtransazioni sono coltelli a doppia lama. Da un lato offrono la possibilità di scaricare una serie di contenuti per espandere l'esperienza di gioco, dall'altro rischiano di essere mezzi poco convincenti per invitare i giocatori a spendere più denaro, frammentando il gioco in diverse parti. Lumines Live, la conversione per Xbox 360 del famoso puzzle game per PlayStation Portable, sembra voler intraprendere la seconda strada. Stando a quanto dichiarato da Tetsuya Mizuguchi, designer del gioco, durante un'intervista con Game Informer, per usufruire delle opzioni multiplayer bisognerà corrispondere una somma aggiuntiva al prezzo del gioco in singolo. Sembra quindi che Lumines Live sarà disponibile in due versioni.

Lumines Live sarà disponibile entro la fine dell'estate su Xbox Live Arcade.

Riferimenti
[Kikizo.com: Pay-To-Play Coming to Lumines Live]

Wii Potrebbe Cambiare

Nonostante le dichiarazioni post-E3 di Miyamoto, che affermava l'accettazione globale del nome Wii dopo lo sconcerto iniziale, è affiorata una voce secondo cui il nome della nuova console Nintendo potrebbe cambiare. Un certo Mike, impiegato nella divisione marketing di Nintendo, ha riportato che sono arrivate oltre 200.000 e-mail contro il nome Wii, protagonista di diverse ilarità più o meno apprezzabili.

Il gelo iniziale è ormai passato e i videogiocatori di tutto il mondo hanno preso confidenza con il nome della console Nintendo, tanto da iniziare ad apprezzarlo. Non vi sarebbe ragione per cui Nintendo debba tornare sui propri passi.

Riferimenti
[Kotaku: Another Name Change for the Wii?]

lunedì, giugno 19, 2006

La Next-Gen Seconco Kojima (ancora...)

Hideo Kojima è diventato l'opinionista più trash del mondo videoludico, un personaggio che, probabilmente, è un ologramma dei suoi stessi videogiochi. Una star del cinema, insomma, con la differenza che non recita. E, se recita, non lo pagano neppure. Comunque, il nuovo commento del creatore di Metal Gear Solid sulle console di nuova generazione verte su una nuova analogia. Abbandonati i paragoni con cene e pranzetti, Kojima si sposta nell'ambito dell'intrattenimento mediatico e accomuna PlayStation 3 con un cinema con maxi schermo e audio allo stato dell'arte, dove godersi i film al meglio. Xbox 360 viene paragonata al lettore DVD, in cui è possibile caricare dei film da vedere al momento, a seconda dei gusti, mentre Wii alle trasmissioni televisive che, secondo Kojima, offrono molta varietà.

L'analogia di Kojima è soggetta a numerose interpretazioni, per questo ritengo che sia quanto di peggio potesse affermare il designer nipponico. Se dal lato prettamente tecnico il paragone potrebbe reggersi in piedi - PlayStation 3 sembra essere la console più potente di tutte, seguita di Xbox 360 e da Wii - dal lato dell'esperienza presenta diverse falle. Un film al cinema è impareggiabile, ma le sensazioni le si vive una sola volta, a differenza di un film in DVD che è possibile godersi in ogni momento, per apprezzare tutte le finezze e i risvolti chiave del film, magari godendosi i contenuti extra e relativi bonus. Anche se non è vero in tutto il mondo, i programmi TV ristagnano e, non fosse per le offerte via cavo, la qualità sarebbe veramente scarsissima.

Fermo restando che anche dal punto di vista economico il cinema è in crisi mentre l'home video è in netta crescita, grazie anche alla diffusione dei grandi schermi e impianti home theatre. Che il messaggio velato di Kojima sottointenda un incitamento a Xbox 360?

Naturalmente, questa è una visione dei fatti molto personale e volutamente forzata, ma sta a dimostrare quanto gli esempi portati da Kojima siano del tutto opinabili. Ci vediamo alla prossima puntata.


Riferimenti
[Eurogamer: Kojima talks next-gen consoles]

Lo Snowboard di Sonic

Questo è un "gadget" che apprezzerei moltissimo: lo snowboard di Sonic Riders! Nonostante le valutazioni mediocri del gioco, devo ammettere di essermi divertito con l'ultima fatica del Sonic Team. Mi manca solo di recuperare questo snowboard!



Riferimenti
[Kotaku: The Sonic Snowboard]

Super Dragonball Z in Arrivo

Atari ha divulgato nuove immagini dell'atteso picchiaduro ispirato alla saga creata da Akira Toriyama. Super Dragonball Z promette di essere un picchiaduro a incontri meno incentrato sullo scambio furioso di colpi come i predecessori, in favore di azioni più ragionate, grazie alla possibilità di interagire con gli elementi di fondale, dietro a cui, per esempio, si potrà cercare riparo dai colpi avversari. Alla regia troviamo Noritaka Funamizu, che ha al suo attivo capolavori come Street Fighter II, Resident Evil: Code Veronica, ma anche fallimenti come Devil May Cry 2. Dal punto di vista grafico, le foto lasciano presagire una buona attinenza col fumetto grazie all'ormai collaudato cell shading. E' evidente, però, una certa carenza di dettagli per quanto riguarda i fondali. Mi auguro soltanto che il risultato sia ben migliore del fiasco che è stato Dragonball Z Sagas.

Dragonball è la serie di videogame tratta da fumetti più famosa in assoluto e conta circa 25 titoli in totale, con vendite complessive che superano le 10 milioni di copie. Super Dragonball Z è previsto per il 7 luglio in esclusiva per PlayStation 2.




sabato, giugno 17, 2006

Gli Effetti della Retrocompatibilità di Xbox 360

Microsoft ha recentemente rilasciato un aggiornamento per ampliare la lista di retrocompatibilità di Xbox 360. Sono oltre 200 i giochi di Xbox che ora funzionano sulla nuova console Microsoft. Il dilemma non è più quali o quanti giochi funzionano - anche se dalla lista vi sono ancora alcuni grandi assenti - ma come funzionano. Si era già visto in principio come Fable fosse afflitto da vistosi problemi di fluidità, che lo rendevano peggiore del risultato su Xbox nonostante la risoluzione elevata a 720p.

Confidente in un miglioramento, mi sono proposto di verificare uno dei titoli aggiuntisi alla lista dei fortunati nell'ultimo aggiornamento, Rallisport Challenge. Di fatto uno dei migliori titoli di rallistici su qualsiasi piattaforma, il titolo DICE si era distinto, ormai quattro anni or sono, per l'ottima realizzazione tecnica, sorretta da una velocità strabiliante e, soprattutto, da una fluidità pressochè eccelsa. L'emulazione di Xbox 360 funziona a meraviglia finchè non si prende in esame quest'ultimo aspetto. Dal punto di vista grafico, il gioco si presenta ancora affascinante e brillante, ma lascia a desiderare proprio la fluidità. Da fluido come l'olio, Rallisport Challenge è divenuto un titolo scattoso a causa di vistose perdite di frame: quando ci sono più di due auto rivali sullo schermo, quando il fondale è più ricco del normale, o ancora quando si colpiscono ostacoli come gli alberi. In pratica, sempre.

Rallisport Challenge su Xbox 360 è ancora giocabile, i controlli funzionano a dovere e le risposte ai comandi sono precise come sempre. Ma vale la pena giocare a un titolo su una nuova console che gira, a conti fatti, peggio dell'originale? A mio avviso, la risposta è un secco NO, soprattutto quando il titolo in questione necessita della fluidità per essere godibile. L'argomento retrocompatibilità su Xbox 360, quindi, perde ancora colpi, nonostante gli sforzi innegabili e lodevoli del team alle spalle del servizio.

Design al Develop in Brighton - Mizuguchi in Primo Piano

Già una stella sotto l'ala protettiva di Sega, Tetsuya Mizuguchi è diventato ancora più importante e influente da quando ha fondato lo studio indipendente Q Entertainment. Autore di capolavori come Rez e Lumines, Mizuguchi parlerà della creatività nei videogame alla prossima conferenza europea degli sviluppatori, che si terrà a Brighton, Inghilterra, il 12 e 13 luglio. Giocatori e sviluppatori desiderano sempre più nuove esperienze di gioco, che abbiano una maggiore componente emozionale. Ma i publisher, d'altro canto, richiedono che il gioco sia completato in tempo e nel budget prefisso. L'intervento del genio nipponico, intitolato "Creativity led production: How to bring new ideas into line" verterà, quindi, sul dualismo creatività/date di scadenza e su quali vie vi possono essere per conciliare questi due aspetti.

Develop in Brighton vedrà una schiera di altri partecipanti che tratteranno altri temi di largo interesse. Fra questi, segnalo “Bridging the Uncanny Valley: Style versus Realism in future games graphics", intervento in cui si discuterà del contrasto fra il realismo suggerito dalla potenza dagli hardware di nuova generazione e stili grafici differenti che spingono la creatività verso altre forme di espressione, come si è visto in ICO, Shadow of the Colossus e Viewtiful Joe. Importanti anche gli interventi della rivista inglese Edge e dell'editore Future Publishing, entrambi intenti sul design dei videogame. Mentre il primo si preoccuperà di evidenziare alcuni aspetti di design di successo degli ultimi 12 mesi (Design DNA: 10 new game designs ideas from the past 12 months worth stealing), il secondo getterà infamia su quelle idee che hanno inficiato negativamente sul design di giochi che, altrimenti, avrebbero ottenuto risultati migliori (Games design room 101: Four designers each consign a game design horror to the dustbin).

Segnalo, infine, la presenza di Peter Molyneux (How to keep your vision - while taking on board everyone else's) e Gareth Wilson, design manager di Bizarre Creations (Gotham Racing 3: A Post Mortem on developing a XBOX 360 launch title). Nel keynote speech "Avoiding the pitfalls of the next generation", Mark Rein si occuperà di discutere delle trappole della nuova generazione, dove il binomio bigger&better si applica non solo alla possibilità di realizzare titoli più impressionanti, ma anche alla crescita esponenziale dei costi di sviluppo.

venerdì, giugno 16, 2006

Mattone di Alimentazione anche per Kutaragi

Nell'ultima intervista pubblicata sul sito nipponico PC Impress Watch, Ken Kutaragi ha rilasciato una dichiarazione in cui sembra confermare la possibilità che, contrariamente a quanto promesso in principio, PlayStation 3 abbia un alimentatore esterno. Ecco il passaggio incriminato:
"Stiamo lavorando sodo sulla dissipazione di calore e sulle interferenze elettromagnetiche. L'alimentatore potrebbe quasi essere venduto separatamente"
Se questo significhi o meno un alimentatore esterno per PlayStation 3, poco importa (a parte che alcune delle voci di corridoio diffuse negli ultimi giorni si rivelerebbe veritiera). Spero solo che, se esterno, sia più piccolo di quello di Xbox 360.

Riferimenti
[GameDaily BIZ: Kutaragi On Cell's Future, Hints at External PS3 Power Supply]

Voci su PS3? Ridicole

Un portavoce di Sony, Jonathan Fargher, ha smentito inderogabilmente le voci secondo cui le specifiche di PlayStation 3 potrebbero subire un ritocco verso il basso. Apparentemente, non vi è alcun problema di surriscaldamento, tutti i componenti stanno alla perfezione all'interno del case della console, la velocità di clock di Cell non verrà diminuita e i kit di sviluppo sono disponibili da diversi mesi.

"Gli sviluppatori stanno lavorando con i kit di sviluppo di PlayStation 3 da ormai 8-12 mesi e il solo pensiero di un possibile downgrade delle specifiche a uno stadio così avanzato e, ebbene, ridicolo".
"Nonostante non tutti i prodotti siano perfetti, abbiamo oltre 40 anni di esperienza nella produzione di dispositivi di elettronica di consumo e, quindi, una profonda esperienza nel 'far star dentro le cose' - PSone e PS2 Slim sono solo due esempi", ha concluso Mr. Fargher."

Riferimenti
[Eurogamer: Sony dismisses rumours of PlayStation 3 downgrade]

"Da un Grande Benessere Deriva una Grande Responsabilità" - Gates

Bill Gates, fondatore di Microsoft, ha annunciato l'abbandono delle operazioni e responsabilità quotidiane in azienda a partire dal 2008 in seguito a una revisione delle proprie priorità. Ormai cinquantenne, Bill Gates si dedicherà completamente alla propria fondazione umanitaria, la Bill & Melissa Gates Foundation, con la moglie. Nonostante il titolo sensazionalistico pubblicato su la Repubblica, tale scelta non rappresenta una dipartita da Microsoft, ma una riorganizzazione del proprio tempo.

La Bill & Melissa Gates Foundation è considerata la più grande fondazione del mondo e ha al suo attivo un patrimonio di oltre 29 miliardi di dollari. E' attiva in diversi campi umanitari e di ricerca medica, fra cui l'educazione, la lotta all'Aids e alla malaria.

Riferimenti
[la Repubblica: Gates: "Nel 2008 lascerò la Microsoft"]

Le 20 Innovazioni nei Videogame

1up ha stilato una lista delle 20 innovazioni fondamentali che hanno accompagnato l'evoluzione dei videogame. Secondo Jess Ragan, autore dell'articolo, si possono individuare 4 categorie di innovazioni:
  • Base: concetti fondamentali divenuti la base dei titoli odierni
  • Comodità: funzioni che, pur non essendo fondamentali, migliorano l'esperienza di gioco
  • Stilistiche: meccaniche di gioco particolarmente "artistiche"
  • Cooperative: funzioni che affiancano giocatore e CPU, o più giocatori, nell'esperienza di gioco
Fra le innovazioni di base, compaiono la barra di energia - ormai uno standard in quasi tutti i giochi - e i boss di fine livello, un elemento che ha cambiato per sempre il concetto di sfida videoludica. Personalizzazione, multiplayer e le famigerate combo appaiono nella lista delle altre categorie, delineando in maniera soddisfacente quelle che sono le migliori idee introdotte fin dagli albori del videogame.

Alcune scelte sembrano puramente riempitive, come il tag team e l'aiuto canino, ma nel complesso l'approfondimento mi sembra ben realizzato.

Riferimenti
[1up: Playing with power]

giovedì, giugno 15, 2006

PGR3 in Italia

Il 13 giugno si sono tenute alla Lamborghini factory di Sant'Agata Bolognese le finali del torneo mondiale di Project Gotham Racing 3. I 12 finalisti hanno colto l'occasione per visitare Bologna e il vincitore si è aggiudicato un giro esclusivo (da passeggero) su una Lamborghini fiammante. Il pilota sembrava aver giocato un po' troppo al titolo Bizarre Creations e, incurante di traffico, limiti di velocità e striscia continua, ha fatto rombare il motore del bolide rosso per le strade cittadine. Niente vigili urbani, come al solito.

Per i curiosi (o per le autorità), il video della corsa si trova a questo link.

Riferimenti
[Xbox.com: Xbox Takes the Race to Italy]

Marketing Attivo per Nintendo Italia

E' un periodo prolifico per Nintendo, che ha organizzato diverse attività di marketing volte alla promozione dei nuovi titoli per Nintendo DS e alla sponsorizzazionedi canali per ragazzi con i propri personaggi più rinomati. E' già da qualche giorno in onda sulle reti Mediaset lo spot televisivo di Brain Training del Dr. Kawashima, mentre quello del nuovo episodio di Nintendogs dedicato ai cuccioli Dalmata - in uscita domani - verrà trasmesso a partire dai prossimi giorni sui circuiti mussicali MTV e All Music. Nintendogs: Dalmata & Amici sarà presente anche con telepromozioni sulla stessa All Music, con pagine pubblicitarie con target prevalentemente femminile e con un concorso dedicato ai fan del gioco.


“Il fenomeno Nintendogs, esploso l’anno scorso, continua inarrestabile”, afferma Sandro Benedettini, direttore marketing di Nintendo Italia. “Fra due settimane il quarto videogioco della fortunata serie sarà disponibile sugli scaffali e, grazie alla stagionalità estiva, perfetta per i giochi da console portatile come il Nintendo DS, e alla campagna marketing prevista, siamo sicuri che non ci resterà per molto, battendo i precedenti record di vendita”.

Nintendo ha, inoltre, siglato un accordo con RaiSAT per la sponsorizzazione del sito RaiSAT Ragazzi. Super Mario avrà a disposizione un'area dedicata per rispondere ai quesiti dei piccoli navigatori del sito e, con Peach, Luigi e gli altri amici, diverrà il padrino della sezione club del sito.

"Siamo felici di poter annunciare questa intesa strategica con una major del calibro di Nintendo - ha detto il Vice Responsabile di RaiSat Ragazzi, Roberto Genovesi - azienda che condivide per missione con il nostro canale una spiccata sensibilità ed attenzione nei confronti del pubblico dei più piccoli".

"Da parte nostra siamo davvero orgogliosi di vedere il nostro eroe baffuto come testimonial di quello che di sicuro diventerà uno dei punti di riferimento sul web per i più piccoli!", ha commentato Sandro Benedettini, Direttore Marketing di Nintendo Italia.


Riferimenti
[Nintendo Italia]

mercoledì, giugno 14, 2006

Nintendo Protagonista di una Raccolta Fondi per l'AIDS

Lo scorso week-end, Nintendo ha creato un'area dedicata ai bambini durante la raccolta fondi alla Fondazione Pediatrica per L'AIDS Elizabeth Glaser di Los Angeles. Nella Nintendo DS Lite Lounge, i bambini hanno potuto divertirsi con New Super Mario Bros. con alcune star, fra cui Christian Slater, Ellen Pompeo e Rachel Bilson. George Harrison, senior VP of marketing and corporate communications di Nintendo of America, ha affermato che "Nintendo ha una lunga tradizione volta al rendere la vita dei bambini più felice e la partecipazione a quest'evento sottolinea il nostro impegno nella comunità".

Nel 2005, la raccolta fondi, denominata A Time for Heroes Celebrity Carnival, ha giovato alla fondazione 1,4 milioni di dollari.

Riferimenti:
[Next-Gen: DS Lite Featured at AIDS Charity]
[
A Time for Heroes Celebrity Carnival]

martedì, giugno 13, 2006

Chi Ha Vinto una 360 Autografata?

Vi ricordate quanto era successo all'evento Microsoft di presentazione di Xbox Live Arcade? (Se la memoria fa cilecca, qui trovate l'articolo dell'evento). Ebbene, sembra esserci giustizia a questo mondo: Davide, per aver battuto Strano dei Gemelli Diversi in una sfida a Project gotham Racing 3, ha ricevuto giusto oggi (a distanza di due mesi) una Xbox 360 premium in edizione limitata! Il 37esimo esemplare su 100 autografato da Roger Perkins, Lead Developer di Bizarre Creations, ha trovato fissa dimora.
...Peccato che il cavo di alimentazione abbia la presa inglese.










Ikaruga in Manga

Dal 2002 a oggi, una notizia "sempreverde": pur non esistendo un seguito di Ikaruga, è possibile gustarsi uno spin off a fumetti, pubblicato da can'tHUE, tutto in giapponese naturalmente. Niente download online, sorry...










Riferimenti
[Shoot the Core: Ikaruga Manga]

Weekly Video/ Championsheep Rally

Non un titolo di rally qualunque, bensì una corsa sfrenata fra pecore di ogni tipo e qualità. Ecco il backstage di Championsheep Rally, simpatico titolo sviluppato da Black Sheep Studio che parodizza i vari titoli di corse in circolazione. Altro che Need for Speed... Need for Sheep!



Riferimenti
[Sito ufficiale]

Retrocompatibilità Xbox 360 a +21

La lista dei titoli retrocompatibili per Xbox 360 si è appena incrementata di 21 unità, grazie all'ultimo aggiornamento disponibile su Xbox Live. Fra le new entry, spiccano Amped 2, Lego Star Wars e FlatOut.

1. 4x4 EVO 2
2. Amped 2
3. Bad Boys 2
4. Big Mutha Truckers
5. DOOM 3
6. Dreamfall: The Longest Journey
7. Fatal Frame
8. FlatOut
9. Grabbed by the Ghoulies
10. Intellivision Lives
11. LEGO Star Wars
12. Minority Report
13. MLB SlugFest 20-04
14. The Punisher
15. RalliSport Challenge
16. Silent Hill 4: The Room
17. Spawn Armageddon
18. Spider-Man
19. Star Wars Battlefront
20. State of Emergency
21. Zapper

E' stato anche rilasciato un nuovo aggiornamento per la dashboard (2.0.2858) che risolve alcuni problemi di font cinesi, ma niente più.

Riferimenti
[Xbox Team: New System Update & More Backwards Compat Games] (tramite Eurogamer)

Kutaragi: Gioco Online Gratis per Tutti

Ken Kutaragi, boss di Sony Computer Entertainment, si era già espresso in materia di gioco online, affermando che il servizio offerto per PlayStation 3 sarebbe stato assolutamente gratuito. Dopo mesi da quest'annuncio, Kutaragi ha confermato che giocare online e organizzare incontri fra amici sarà assolutamente gratuito, a differenza di Xbox Live, che richiede il pagamento di una quota annuale di 59,99€.

Secondo Kutaragi, gli utenti non comprendono come un servizio gratuito ormai da anni su PC possa essere a pagamento su console. Sony intente basare il business relativo al servizio online sulla distribuzione digitale, anche se non è ancora chiaro quali tipi di contenuti verranno forniti. Mi auguro solo che non imbocchino la via dei contenuti bonus a pagamento, che potrebbero spingere i publisher a commercializzare versioni incomplete dei giochi, per poi rilasciare le cosiddette novità col contagocce e a pagamento.

Microsoft non ha ancora commentato la notizia, ma è chiaro che il gigante di Redmond reitererà i propri dubbi in merito a tale modello di business. Stando alle informazioni divulgate, è possibile che ciascun sviluppatore debba provvedere alla creazione e al mantenimento dei server per le funzioni online dei propri titoli, generando dei costi che, nel modello di Xbox Live, si accolla Microsoft. Non bisogna dimenticare, però, la partnership fra Sony e GameSpy, che potrebbe risolvere tale inghippo.

Riferimenti:
[Ars Technica: Sony to offer free online play, placing its online revenue hopes on e-Distribution]

Altri Dubbi su PlayStation 3

Ormai abbiamo fatto il callo a voci di corridoio che gettano infamia sulle console in uscita. Strano, però, che Wii sia in qualche modo esente da questo fenomeno e che le rinomate "fonti anonime" si siano concentrate unicamente su Sony. Probabilmente le motivazioni sono da ricercarsi nella quantità di promesse riposte in PlayStation 3, che hanno già avuto smentite ufficiali, come la decurtazione delle numerose porte USB e Ethernet dalla console. Sta di fatto che un insider ha comunicato a Kotaku che PlayStation 3 potrebbe subire un ulteriore downgrade delle specifiche tecniche. Si parla di un alimentatore esterno da 400W invece che interno, di Cell che gira a 2,8GHz invece che a 3.2GHz e di un problema ancora non risolto di surriscaldamento. Se a questo aggiungiamo che a oggi sembrano non esistere ancora i beta kit definitivi, si delinea un quadretto poco felice per la nuova console Sony.

Come sempre, tali voci di corridoio sono da prendere con le pinze, in attesa che Sony divulghi le specifiche complete e definitive di PlayStation 3. Le specifiche serviranno comunque a ben poco, in quanto solo con i giochi alla mano si potranno tirare le somme.

Riferimenti:
[Kotaku: More PS3 Downgrades On The Way?]

lunedì, giugno 12, 2006

FIFA 06 e l'Analogico Digitale

Sebbene non sia un appassionato del calcio nazionale, posso dire di essere un discreto sostenitore della Nazionale, uno dei tanti che fra poco si piazzerà dinanzi alla TV per tifare la maglia azzurra. Preso dalla follia, ho voluto dare anche un'occhiata al nuovo FIFA '06 dedicato ai mondiali in Germania per cercare un po' di coinvolgimento pre-Ghana. La presentazione strabiliante, in pieno stile Electronic Arts, lascia presagire un ottimo titolo calcistico e la mole di opzioni a disposizione rafforza maggiormente quest'idea. Sul piano grafico - il primo a saltare all'occhio, non me ne vogliano i puristi - FIFA '06 si presenta con animazioni ben fatte e una fluidità generale più che buona, nonostante l'ottimo dettaglio grafico raggiunto dai programmatori. Anche l'atmosfera è resa al meglio dal sontuoso ingresso in campo dei giocatori ai coriandoli che piovono copiosi dagli spalti.

Una cosa, però, non è per niente convincente: nonostante l'uso della leva analogica, il controllo dei giocatori è rigorosamente digitale! I giocatori si muovono incespicando nelle otto direzioni che, ai giorni nostri, dovrebbero essere abbondantemente superate. Come si può anelare a una simulazione quando non è nemmeno possibile muoversi a 360°?

domenica, giugno 11, 2006

MotoGP Perde la Coppia

Ho avuto modo di giocare a MotoGP '06 per Xbox 360 in coppia, ma la partita non è dutata a lungo. I terribili problemi di framerate che affliggono il gioco con schermo condiviso (in verticale) rendono l'ultima fatica THQ pressochè ingiocabile. Tali inconvenienti sono assenti in single player, ma la sezione multiplayer risulta pesantemente mutilata. Peccato.

Guitar Hero è Rock!

Sabato mi sono imbattuto in un gazebo dedicato a Guitar Hero in Piazza Argentina a Milano, evento facente parte di una serie di operazioni di street marketing organizzate da Atari che porteranno il titolo di Harmonix e Red Octane in giro per le maggiori città d'Italia. Immediatamente catturato dal fascino di Guitar Hero, mi sono messo alla prova imbracciando il controller/chitarra - una riproduzione in piccolo della celebre Gibson SG - e strimpellando sulle note di I Love Rock N' Roll di Joan Jett, con tanto di fluenti capelli neri sempre davanti agli occhi (una parrucca, ahimè!). Concettualmente identico a Frequency e Amplitude, Guitar Hero risulta irresistibile proprio grazie all'unicità del controller, che amplifica l'esperienza di gioco. Come direbbe il molleggiato, Guitar Hero è Rock!



Dopo aver toccato diversi punti vendita e alcune piazze cittadine, il tour live di Guitar Hero si sposterà verso Rapallo e Cattolica, in modo da contagiare il maggior numero di persone possibile anche nelle località marittime. L'unico neo del gioco è costituito dal prezzo di 89,00 euro, anche se il pr nel gazebo mi ha assicurato che lo si trova anche a 79,00.

Guitar HeroGuitar Hero

L'Italia in Mutande

Evadiamo per un attimo dall'ambito videoludico per dare un'occhiata a questo spaccato di Italia che si è mostrato ai miei occhi durante una camminata in quel di Milano: l'inflazione, le tasse, l'Euro ci hanno proprio lasciato in mutande... e c'è chi non si vergogna a metterle in evidenza!
C'è addirittura chi non si cura di averle rotte, le mutande, e si mette in posa fregandosene del giudizio altrui.
Come disse il Poeta "Non ragioniam di lor, ma guarda e passa"





Riferimenti:
[Roberto Benigni: L'Inno del Corpo Sciolto]

venerdì, giugno 09, 2006

Wii Rimandato a Settembre

Il presidente di Nintendo, Satoru Iwata, ha annunciato che la data di lancio di Wii verrà divulgata non prima di settembre. Sony ha già reso pubbliche le date di lancio di PlayStation 3, ovvero 11 novembre in Giappone e il 17 dello stesso mese in Europa e Stati Uniti. L'anno scorso, Microsoft rese note le date di lancio di Xbox 360 verso la fine di agosto. Mettiamoci l'anima in pace e trascorriamo in tutta tranquillità le vacanze estive

Riferimenti
[Kotaku: Wii Ship Date Announced Around Sept.]

Halo 3: What You See IS What You Get

Bungie ha pubblicato il making of del trailer di Halo 3 presentato alla conferenza stampa pre-E3 di Microsoft. Fra le tante curiosità, vi è nuovamente la conferma che quanto visto nel filmato all'E3 2006 è assolutamente in tempo reale. Ci contiamo.

Il video è diponibile in molteplici formati, compreso uno in alta definizione.
Per i più pigri, ecco il video su YouTube, pubblicato da ScrewAttack (http://screwattack.com/)


Riferimenti
[Bungie.net: What you see is what you get]

giovedì, giugno 08, 2006

PS3: Problemi di Banda?

Ogni volta prometto di non farlo più, ma la curiosità, la voglia di capire è troppo forte. L'articolo apparso su The Inquirer a proposito di nuove limitazioni nell'architettura di PlayStation 3 avrebbe spianato la strada per facili attacchi alla nuova console Sony, ultimamente al centro del mirino per qualunque tipo di accusa. Il fatto di non vedere la notizia riportata su altri siti di rilievo, però, mi ha fatto pensare che, forse, non tutto ciò che è stato scritto corrisponde a verità. E' stato così che ho deciso di tralasciare la notizia nei giorni scorsi per informarmi un po' di più sull'argomento, girando per vari forum e ascoltando diverse idee.

Charlie Demerjian, autore dell'articolo su The Inquirer, si basa su una slide di una presentazione di Sony per trarre delle conclusioni sconcertanti: la banda riservata al Cell per la lettura della memoria locale sarebbe di soli 16MB/s, mentre RSX sarebbe in grado di scrivere la stessa memoria a ben 22,4GB/s. Se tali dati fossero corretti, PlayStation 3 troverebbe un enorme collo di bottiglia proprio nel Cell, l'osannato processore sviluppato in comunione con IBM e Toshiba. L'articolo prosegue riportando l'insistenza di Sony nel suggerire agli sviluppatori di usare la memoria principale - a cui Cell accede a 24,9GB/s - come canale di comunicazione fra RSX e processore. Così come descritto su The Inquirer, sarebbe un inutile girovagare di dati che limiterebbe le prestazioni.

La slide in questione, però, sembra essere stata decontestualizzata e, quindi, fraintesa. La parte di presentazione in esame, infatti, dovrebbe essere relativa al chp grafico RSX e le memorie riportate - Main e Local - sarebbero riferite proprio a esso. Se questa notizia fosse vera, gli infami 16MB/s si riferiscono alla scrittura della memoria locale di RSX e non a quella locale dello stesso Cell, come erroneamente pensato da Demerjian. In tal caso, la situazione sarebbe assolutamente normale e troverebbe conferme anche nell'attuale architettura PC, in cui la velocità di scrittura della VRam da parte del processore è sempre molto bassa.

La VRam conserva informazioni come le texture, che raramente devono essere elaborate dalla CPU. Il passaggio di dati avviene sempre tramite la memoria principale del chipset grafico, a cui la CPU può accedere a velocità ben più elevate. Quindi, che il Cell sia molto lento nello scrivere sulla VRam dell'RSX è poco rilevante, in quanto l'accesso alla main memory è ciò che interessa e, da questo punto di vista, PlayStation 3 non ha certo problemi. Che si consigli di passare i dati dalla memoria locale a quella principale di RSX, quindi, appare come una soluzione logica, tra l'altro ampiamente utilizzata anche nell'ambito PC. Solo le architetture a memoria unificata - come Xbox 360 - non soffrono di questo inconveniente, ma definire quale delle due situazioni sia più vantaggiosa è un compito arduo.

In definitiva, sembra proprio che l'articolo su The Inquirer sia fuori luogo, anche se ho ancora dei dubbi circa le performance di RSX. Nella stessa notizia, infatti, The Inquirer riporta che RSX è in grado generare soltanto 275 milioni di triangoli al secondo, a differenza degli oltre 500 milioni di Xbox 360. La nuova console Microsoft, quindi, sarebbe in grado di generare geometrie molto più complesse della rivale di Sony anche se, prima di cantar vittoria, è bene ricordare che sono spesso le capacità di renderizzazione dei poligoni a fare la differenza. Non c'è niente da fare, per giudicare la bontà di PlayStation 3 è necessario aspettare che arrivi nei negozi!

Riferimenti:
[The Inquirer: PS3 hardware slow and broken]
[Slashdot forum]

Grazie, Blogger

Ultimamente Blogger è diventato un po' troppo instabile... Dopo aver passato la serata a scrivere articoli da pubblicare, il motore di pubblicazione non funzionava! Questa sera aspettatevi news su PS3 e The Inquirer, Iwata che (non) commenta la data di lancio di Wii e il retroscena del trailer di Halo 3.

Riferimenti
[Blogger Help Group: blogger sluggish today?]

mercoledì, giugno 07, 2006

Adieux, Pergioco

Pergioco, la storica catena di rivenditori specializzati in videogame fondata negli anni '80, ha chiuso definitivamente i battenti, nonostante l'ingresso nel network di Alter Ego Communication insieme a Ludostore.it (anch'esso fuori servizio, almeno negli ultimi giorni). Possiamo dire addio a un'insegna che ha visto crescere il mercato videoludico fin dagli home computers e lo ha seguito fino all'anno scorso.

Come in tutti i settori, i rivenditori specializzati sono sempre più in difficoltà a causa delle grandi catene di elettronica di consumo, che hanno di fatto integrato i videogiochi nel business principale, e della crescente offerta dei centri commerciali in genere, che ormai non disdegnano di mettere in vetrina console e giochi. Grande distribuzione significa spesso una maggiore potenza di contrattazione dei prezzi, contro cui i piccoli rivenditori possono fare ben poco. Io stesso, che fino a qualche anno fa mi rivolgevo unicamente al mio importatore di fiducia e anche a Pergioco, mi sono adeguato molto facilmente alla tendenza e, ora, cerco le migliori offerte nei centri commerciali, dai vari MediaWorld, EBGames o Game Rush che siano. Non so se sentirmi "in colpa" o meno, sta di fatto che la realtà commerciale è nettamente cambiata rispetto agli anni scorsi, come conseguenza della massificazione del mercato. Alla fine, si torna sempre lì, alla massa...

Riferimenti:
[E-duesse]

XMen 3 e i Titoli di Coda

Sono appena tornato dalla visione di X-Men 3: Conflitto Finale e devo dire di essermelo goduto fino in fondo. Pur non essendo all'altezza degli altri due capitoli - forse per l'abbondanza di carne al fuoco concentrata in solo un'ora e mezza di pellicola - ritengo che sia una buona conclusione per le avventure cinematografiche dei mutanti Marvel. Chi è interessato al film, farebbe meglio a rimanere in sala fino al termine dei titoli di coda!

martedì, giugno 06, 2006

Abuso di Rivoluzione

Sbandierando l'arrivo del famigerato aggiornamento di Xbox 360, Microsoft si è lasciata prendere la mano definendo l'upgrade addirittura rivoluzionario. Che sia un aggiornamento importante e atteso nessuno lo mette in dubbio, ma definirlo rivoluzionario è soltanto una dimostrazione dell'abuso subito da alcuni termini negli ultimi tempi. Al massimo si tratta di feature logiche, che sarebbero dovute essere implementate fin dal principio.

Comunque, l'aggiornamento è disponibile per il download da oggi, e ne siamo felici (sul serio!)

Riferimenti
[Kotaku: Msoft: Xbox Live Update Hits Tuesday]

AESVI Presenta il Mercato Italiano all'IDEF

L'Associazione Editori Software Videoludico Italiana (AESVI) ha annunciato la propria presenza all'Interactive Digital Entertainment Festival (IDEF) che si terrà a Cannes dal 28 al 30 giugno. Il tema affrontato durante l'evento sarà “Il mercato dei videogiochi in Italia: la canalizzazione nella distribuzione moderna” che, in collaborazione con GFK, si propone di analizzare l'andamento del mercato videoludico nella distribuzione organizzata, elettronica di consumo e nelle catene specializzate e di tracciarne le prospettive.

Andrea Persegati, presidente di AESVI e direttore generale di Nintendo Italia, ha dichiarato che “L’iniziativa promossa dalla nostra Associazione nell’ambito dell’IDEF mira a creare un momento di aggregazione per il mercato videoludico italiano sia dal punto vista del business sia dell’intrattenimento. Un momento di approfondimento e discussione seguito da un’occasione piacevole di incontro che ci auguriamo possa vedere un’ampia partecipazione da parte degli operatori del settore che saranno presenti all’evento“.

Il mercato videoludico italiano, sulla scia dei risultati ottenuti in tutto il mondo, ha fatto registrare negli ultimi anni una crescita invidiabile, merito della massificazione del videogioco e, naturalmente, di quel fenomento media-culturale chiamato PlayStation. L'AESVI rappresenta un primo passo per l'organizzazione del business, ma troovo che, ancora oggi, manchi una chiara finestra che dia delle chiare indicazioni sull'andamento del mercato. Non vi sono, per esempio, risultati ufficiali sui dati di vendita nè sul trend di mercato, se non un rapporto annuale (o quasi) sull'evoluzione del mercato.

Riferimenti
[AESVI: AESVI all'Interactive Digital Entertainment Festival (IDEF)]

lunedì, giugno 05, 2006

Gaming Now/ Every Extend

Invece che dedicare le mie poche ore di gioco a capolavori poligonali che fanno sognare mondi fantastici su quelle console ultimamente fin troppo ghiotte di polvere, ho trascorso l'intera serata letteralmente incollato a un giochino per PC, tal Every Extend. Si tratta di uno shooter - se così di può definire - piuttosto basilare ma dal concept estremamente accattivante. Al comando di una bomba, lo scopo è far detonare quanti più blocchi in movimento possibile realizzando delle esplosioni concatenate e, di conseguenza, il maggior numero di Extend. Il numero di detonazioni è limitato, ma è possibile incrementarlo totalizzando sempre più punti.

La corsa contro il tempo - si hanno a disposizione solo 2 minuti e mezzo - rende la lotta al punteggio più alto ancora più avvincente, delineando un gioco sì semplice, ma appassionante. Il tocco di classe, infine, è dovuto al pizzico di strategia richiesto per colpire quanti più blocchi con il minor numero di eplosioni, come nei migliori puzzle game. Non a caso, quel genio di Tetsuya Mizuguchi (autore di Lumines, Meteos e, dulcis in fundo, Rez) ha deciso di realizzare una versione per PlayStation Portable, denominata Every Extend Extra o, meglio ancora, E3.

Every Extend è un gioco gratuito, che consiglio di scaricare a tutti dal sito ufficiale dello sviluppatore. Le richieste di sistema sono molto contenute, ciononostante l'aspetto minimalista dell'interfaccia ha un impatto più che efficace. Da non sottovalutare, Every Extend non necessita di installazione!

Every Extend permette di salvare il replay della propria partita: ecco il replay della mia partita migliore, scaricatelo e copiatelo nella cartella "replay" del gioco. Vi sfido a batterlo e a mandarmi i vostri replay all'indirizzo bdcinq [at] tin [punto] it. In palio c'è la pubblicazione del replay su questo blog (è tutto quello che posso fare, per ora!): Che vinca il migliore!!

Weekly Video/ GameCube e le Donne

Non è solo con DS e Wii che Nintendo ha intenzione di affascinare il pubblico di non-videogiocatori. Con questo spot, Nintendo ha tentato di avvicinare il pubblico femminile a GameCube, mostrando una dolce donzella intenta nel giocare a qualche semplice puzzle game mentre telefona all'amica. Probabilmente, se lo spot fosse stato incentrato su Animal Crossing, avrebbe avuto più successo.

World of Warcraft in Continua Ascesa

World of Warcraft sembra essere deciso a conquistare tutti gli appassionati di giochi di ruolo online e, secondo il sito MMOGchart.com, è riuscito ad accaparrarsi il 50% di market share nel genere. Si contano oltre 6,5 milioni di abbonamenti attivi e la crescita non accenna a fermarsi. Sebbene il genere eserciti su di me un certo fascino, fin'ora sono riuscito a rimanere al di fuori del giro a causa di una motivazione fondamentale: il tempo. Gli RPG di questo tipo, infatti, consumano fin troppo tempo e, quando ci si immerge completamente nel mondo alternativi, è difficile smettere. Non credo che si tratti di vera e propria droga videoludica, ma il tipo di esperienza che propongono incentiva la creazione della forza centripeta che tiene incollato a sè il giocatore. Avessi più tempo, mi cimenterei volentieri in World of Warcraft, ma con le mie possibilità significherebbe soltanto perdersi il divertimento che offre.

Riferimenti
[Ars Technica: World of Warcraft passes 50 percent market share]

Retrocompatibilità Sì, Retrocompatibilità No

Quando Peter Moore ha archiviato in malo modo l'argomento "Retrocompatibilità" di Xbox 360, abbiamo pensato che tutta la sua saggezza si fosse esaurita in un boccale di birra o, come alcuni credono, nel tatuaggio di Halo 2 che porta sul braccio. In un'intervista pubblicata su Kikizo.com, infatti, il boss di Microsoft ha affermato che nessuno è più interessato alla retrocompatibilità di Xbox 360, adducendo che Microsoft ha sorpassato di gran lunga le promesse pronunciate poco prima del lancio della console. In pratica, dovremmo tutti quanti ringraziare mamma Microsoft per il contentino dato - perchè di questo si tratta - e voltar pagina. Sono forse un po' troppo rigido a chiamare i circa 200 giochi Xbox compatibili con Xbox 360 "contentino". Comprendo che il lavoro di adattamento e di emulazione sia oltremodo complesso, ma alcuni titoli (vedi Fable) girano maluccio sul nuovo mostro di casa Microsoft.

Fortunatamente, chi è effettivamente al lavoro sulla retrocompatibilità di Xbox 360 ha alzato la voce per smentire quanto detto da Moore. Sul sito Gamerscoreblog, redatto da dipendenti Microsoft, apprendiamo che è in fase di test un ulteriore aggiornamento per estendere la retrocompatibilità a una nuova dozzina di titoli. L'aggiornamento dovrebbe essere rilasciato nelle prossime settimane e, anche se la lista dei titoli non è ancora stata divulgata, la notizia mi solleva. Inoltre, sembra che questo non sarà l'ultimo aggiornamento che Microsoft conta di rilasciare in futuro, il che mi rende ancora più contento.

Anche se non ho ancora Xbox 360, mi auguro che l'upgrade includa Rallisport Challange 2, OutRun 2, Panzer Dragoon Orta e Psychonauts.

Riferimenti
[Kikizo: Moore Talks Xbox Growth, Evades Handheld]
[Gamerscoreblog: Backwards Compatibility Update Coming Soon]

Sensible Soccer 2006 Demo

Dopo 3 giorni di assenza, invece che concentrarmi sulle grandi news, preferisco dare visibilità a qualcosa di pratico: Eurogamer ha pubblicato il demo (esclusivo) di Sensible Soccer 2006 per PC. Inutile dire che è meglio per tutti voi correre a scaricarlo per assaggiare un po' di sano calcio arcade.

Il demo è disponibile a questo indirizzo.

Riferimenti:
[Eurogamer: Sensible Soccer 2006 demo]